Deserto Marocco

Il deserto Marocco è il “Sahara” un immenso mare di sabbia ed il più vasto deserto caldo della terra, che copre una superficie di nove milioni di km quadrati, si estende per 10 stati africani, tra cui il Marocco.

Il Sahara non ha un aspetto uniforme, ci sono diverse conformazioni del paesaggio, qui in Marocco, troviamo il paesaggio più affascinante: il famoso “Erg” formato da montagne di sabbia fine e dorata.

Erg Chebbi ed Erg Chigaga i due deserti Marocco

Merzouga che dista 500 km dove è situato l’Erg Chebbi, famoso per essere definito il deserto rosso dalla forte colore della sua sabbia, meta di numerosi turisti. Facilmente accessibile in auto, la strada arriva fin quasi alle dune , rende questa località la meta’ preferita da tutti i tour operator di Marrakech ( guarda questo bellissimo video da Marrakech a Merzouga) , per portare i turisti in visita al deserto marocchino. I turisti vengono portati in un accampamento nomade di solito vicino a un oasi, per vedere la bellezza delle dune di sabbia alte fino a 100 metri, che si raggiunge con 2 ore di passeggiata a dorso di cammello. Nell’accampamento dove generalmente si passa la notte, viene offerta una cena accompagnata dalla musica berbera dei nomadi touareg.

Zagora ( anche detto deserto marocchino di M’Hamid) che dista circa 380 km é situato l’Erg Chigaga, meno scenografico del deserto rosso ma da molti definito il vero Sahara, per questo meno frequentato dai turisti. Questo piccolo paese , dove si trova il famoso cartello ” Timbuctu cinquantadue giorni di cammello”, é il punto di partenza delle escursioni al deserto Erg Chigaga, che si raggiunge con quasi 3 ore di passeggiata a cammello, a differenza dell’ Erg Chebbi, qui il terreno ha meno dune, meno sabbioso e più pietroso, rendendo la passeggiata a cammello molto impegnativa, io che soffro di schiena non sto a dirvi il male che ho sofferto eheheh, anche qui le escursioni si svolgono in una notte in tenda ad aspettare l’alba, cenando e ascoltando le storie touareg del deserto di Marrakech.

Come vestirsi nel deserto del Marocco

Nel deserto in Marocco, ma vale anche negli altri, esiste la famosa escursione termica, di giorno fa un gran caldo, di notte freddo. Questo è vero, secondo la nostra esperienza, solo per i mesi invernali, da primavera ad autunno, passando per l’estate, nel deserto fa un gran caldo di giorno e di notte si sta bene. Quindi nella vostra valigia non deve mancare : Occhiali da deserto, cappello, scarpe da trekking. L’abbigliamento per viaggiare nel deserto deve includere dei pantaloni in tessuto tecnico, che siano resistenti, anti-vento e idrorepellenti e, ovviamente, comodi.

Deserto Marocco quale dei due scegliere ?

Lasciamo a voi lettori approfondire la storia che unisce e divide Erg Chebbi e Erg Chigaga, uno più turistico ma più affascinante, l’altro meno turistico ma più vero e vicino all’immaginario collettivo della durezza e pericolosità della vita nel deserto marocchino il “Sahara“.

Oasi nel deserto del marocco

Le oasi nel deserto sono importanti luoghi abitati, formati da piccoli douar ( villaggi ). Che resistono alla crisi idrica, che da sempre sta lentamente riducendo le oasi, causando una fortissima emigrazione da questi villaggi che, esempi della tipica architettura rurale del deserto in terra cruda e paglia, sembrano silenziosi castelli di sabbia sul punto di sgretolarsi per l’azione erosiva del vento e ahinoi dell’abbandono.

separatore fine articolo

Voi siete la nostra priorità e siamo sempre disponibili per qualsiasi tipologia di richiesta. Rispondiamo sempre entro 24 ore max.

-pasquale-d-vacanze-marrakech

Per domande, info e/ altro contattate Pasquale D.

Inviarmi un’email

Scrivermi via Facebook

Seguire la pagina Facebook 

Iscrivervi al canale You Tube del blog

Sarà nostra cura valutare le vostre esigenze e trasmetterle ai fornitori dei singoli servizi.

A presto!

I dati riportati sono indicati a titolo informativo.
E’ attestiamo che :
Questa recensione é la nostra personale opinione.
Non ho nessun legame o affiliazione con le società o fornitori sopra elencati.
Non ho ricevuto alcun compenso o incentivo per scrivere questo post.
Leggi Disclaimer per maggiori informazioni riguardo questo blog.

Precedente Agadir Marocco Successivo Ricetta Cous Cous