Mellah di Marrakech l’antico quartiere ebraico della città ocra. In passato le due grandi porte di accesso venivano chiuse alla sera e riaperte al mattino…..

cosi da controllare chi entrava e usciva.

La storia dei quartieri Mellah in Marocco

Un Mellah è un quartiere ebraico recintato da mura, furono creati in quasi tutte le città più importanti del Marocco a partire dal XV secolo. Di regola i quartieri Mellah erano circondati da mura e vi si accedeva da una porta fortificata, in quello di Marrakech erano 2 le porte di accesso.

Alcune importanti caratteristiche architettoniche differenziano questa zona da quelle della comunità musulmana come per esempio i balconi esterni dotati di ringhiera che ornano le facciate degli edifici. Nelle abitazioni marocchine, infatti, le finestre sono orientate unicamente verso l’interno del cortile, il riad, centro nevralgico della casa.

Nei villaggi invece le Mellah erano villaggi separati abitati esclusivamente da ebrei.

La storia del quartiere Mellah di Marrakech

Il Mellah Marrakech è stato costruito all’incirca nel 1558. Vivere in un proprio quartiere a Marrakech ha permesso alla comunità ebraica di avviare attività come sartorie, gioiellerie che permettevano di lavorare proficuamente nella città. Il quartiere è una costruzione basata su alte mura e con due accessi. Nel periodo di massima espansione il Mellah contava quasi  50.000 abitanti.

Il Mellah di Marrakech oggi 

Oggi il Mellah di Marrakech è un luogo diverso da ogni altro nella Medina, e vi stupirà sicuramente con le sue stradine pittoresche dall’aspetto antico e diroccato. I resti del Mellah di Marrakech sono ormai noti come l’area di Hay Essalam. Entrando dalla porta principale del Mellah, i negozi vi colpiranno perche ordinati e colorati,caratterizzati da porte di legno, le cui merci sono esposte in modo ordinato, diverso dal resto dei quartieri della Medina. Per chi a tempo vi consigliamo di visitare il cimitero ebraico e la sinagoga.

La Sinagoga Alzama nel Mellah di Marrakech ha un cortile sobrio e pulito con tante tende bianche e azzurre a fare ombra ai portici, la zona di preghiera è piccola ma accogliente. Il cimitero è il più grande cimitero ebraico del Marocco, esso sprigiona una forte luce bianca, quella dei marmi delle tombe e della calce con cui i più poveri dipingevano quella dei loro defunti.

 

Visitare il Mellah di Marrakech può essere un’esperienza intensa, ma è un’esperienza da non perdere!

separatore fine articolo

Voi siete la nostra priorità e siamo sempre disponibili per qualsiasi tipologia di richiesta. Rispondiamo sempre entro 24 ore max.

-pasquale-d-vacanze-marrakech

Per domande, info e/ altro contattate Pasquale D.

Inviarmi un’email

Scrivermi via Facebook

Seguire la pagina Facebook 

Iscrivervi al canale You Tube del blog

Sarà nostra cura valutare le vostre esigenze e trasmetterle ai fornitori dei singoli servizi.

A presto!

I dati riportati sono indicati a titolo informativo.
E’ attestiamo che :
Questa recensione é la nostra personale opinione.
Non ho nessun legame o affiliazione con le società o fornitori sopra elencati.
Non ho ricevuto alcun compenso o incentivo per scrivere questo post.
Leggi Disclaimer per maggiori informazioni riguardo questo blog.