Documenti per il Marocco.

Oggi vi riporto il racconto di un amico spagnolo, mi ha raccontato che ci sono oltre 5000 lavoratori di nazionalità spagnola che lavorano in Marocco, senza documenti validi, cioè sono senza permesso di soggiorno. Ma dai !!!! il Marocco un Paradiso per chi cerca un occupazione……

I numerosi progetti avviati in Marocco in questi anni, costruzione di strade, ferrovie, porti, ecc.., stanno attirando migliaia di lavoratori spagnoli ( direi anche italiani e francesi) molto qualificati,che per colpa della crisi emigrano dove il lavoro c’é.
Gli spagnoli del sud ovviamente facilitati dalla vicinanza ( lo stretto che divide Tangeri da Algericas e di circa 14 km) e dal fatto che non bisogna aver nessun visto di ingresso in Marocco per soggiorni turistici inferiori a 90 giorni, si recano numerosi ad offrire la loro esperienza e il loro profilo altamente qualificato alle bisognose aziende marocchine di manodopera altamente specializzata, questo accede sopratutto nei settori della progettazione e dell’edilizia.
Il problema di questo flusso di spagnoli e che molto spesso le aziende non gli fanno un contratto di lavoro che gli permetta di ottenere validi documenti per il Marocco, e quindi si ritrovano a lavorare sul suolo marocchino in modo illegale. Sono costretti ogni tre mesi a uscire per un giorno (tornando in Spagna) per poi rientrare con la possibilità di lavorare per altri 90 giorni.

Questa situazione di persone residenti senza documenti per il Marocco.

Che non riguarda solo la comunità spagnola, é a conoscenza del governo marocchino, che ha avviato un forte processo di regolarizzazione riguardante il lavoratori stranieri in Marocco ( fonte Economia digitale).
Il governo marocchino é consapevole inoltre che un immigrazione qualificata non comporta impatti negativi sull’economia e sui lavoratori marocchini. Questa notizia per noi europei che viviamo l’immigrazione come un trauma e un problema sociale, é sicuramente un segnale positivo di come un paese possa crescere e sviluppare la sua economia, con l’aiuto di un immigrazione forte e qualificata.

Articolo pubblicato da
Articoli che potrebbero interessarti.